Robert John Welch



Belfast, Irlanda del Nord, 1909, cantieri di Harland & Wolff: inizia un progetto senza precedenti. Le due maggiori navi del mondo stanno nascendo; le loro dimensioni erano monumentali.
La storia si stava compiendo e per registrare questo momento fu chiamato il miglior fotografo d'Irlanda per immortalare la costruzioni dei due giganti. Questo lo scenario.
Ora analizziamo le diverse fotografie che riguardano il TITANIC, uno sguardo curioso sarÓ caduto all'estrema sinistra in basso (nella stragrande dei casi) su quel logo con la scritta H seguita da un numero e da due lettere R. W., logo che vediamo sotto in un ingrandimento.


 


 

Ebbene dovete sapere che mentre l'H sicuramente sta per Harland & Wolff, ed il numero Ŕ una matricola progressiva assegnata a ciascuna fotografia, il monogramma R. W. altro non Ŕ che le iniziali di colui che Ŕ stato uno dei grandi pionieri della fotografia.


 


Robert John Welch


 

Robert Welch (sopra in immagine), questo il suo nome, era un abile artigiano ed i suoi studi, impressi in migliaia di fotografie di cittÓ e di paesaggi, del tardo diciannovesimo e dei primi anni del ventesimo secolo, sono oggi giustamente famosi.
Robert John Welch, questo il suo nome completo, figlio di un abile fotografo dilettante scozzese, era nato a Strabane contea di Tyrone, il 22 luglio 1859. Poi aveva vissuto per un certo periodo a Enniskillen, cittadina del sud-ovest dell'Irlanda. Qui aveva sviluppato un precoce interesse per la fotografia, e dopo la morte del padre, avvenuta nel 1875, il giovane Welch nello stesso anno and˛ a Belfast dove trov˛ lavoro (divenne il principale supporto di famiglia, madre, sorella e fratello) come assistente di un fotografo.
Nel 1883, aprý un studio in Lonsdale Street, casa che sarebbe poi diventata la sua dimora per il resto della vita.
Dopo aver fotografato per l'azienda Ropeworks, Welch nel 1890 era stato assunto dai cantieri Harland & Wolff e nominato fotografo ufficiale. Per perpetuare un'immagine dell'industria cantieristica di Belfast, al culmine della sua prosperitÓ industriale, Welch fu incaricato di scattare fotografie della costruzione di due transatlantici: l'Olympic ed il TITANIC.


 

 

Le sue le memorabili riproduzioni sono rimaste negli annali della storia.
Qui sopra possiamo visualizzarne alcuni esempi (clicca per ingrandire). Nell'ordine vediamo: il TITANIC e l'Olympic nell'incastellatura di Arrol Gantry; le due gemelle (Olympic a sinistra e TITANIC a destra) riprese insieme a Belfast nel febbraio 1912.


 

 

Welch si diede da fare a fotografare anche le magnificenze interne del gigante dei mari. Qui sopra osserviamo lo splendido salotto CafÚ Parisien e la cabina che sarÓ poi occupata dal canadese Mr. Baxter Quigg (che viaggiava con la madre e la sorella) ossia la B58.
Welch fotograf˛ tra l'altro anche il TITANIC quando la nave lasci˛ definitivamente il suolo irlandese per dirigersi a Southampton, dove inizi˛ il suo primo "vero" ed ultimo viaggio.
La prima guerra mondiale e la successiva lotta in Irlanda limitarono i mezzi di sussistenza di Welch, che vide messe a dura prova le sue risorse mentali ed emozionali: nel 1915 sembra avesse avuto un esaurimento nervoso.
Nel 1923 la sua opera fu riconosciuta dalla Queen University di Belfast che gli conferý la laurea honoris causa in Master of Science. Nel 1927, il Parlamento dell'Irlanda del Nord gli conferý una pensione civile di 100 sterline annue.
Robert Welch non si spos˛ mai; i suoi molti amici parlarono della sua disponibilitÓ e della sua generositÓ: fu descritto come un "amico di tutto il mondo".
Robert John Welch morý il 28 settembre 1936, spendendo molto del suo tempo a riprendere le immagini della vita d'Irlanda ed il suo paesaggio: una preziosa testimonianza lasciata ai posteri.
La sua figura ed il suo encomiabile lavoro hanno trovato il giusto risalto nel modernissimo Titanic Belfast (fotografia sotto).


 


 
Tutti i testi nel sito www.titanicdiclaudiobossi.com sono di proprietÓ intellettuale di claudio bossi. Non Ŕ permesso a terzi copiare, modificare, ripubblicare o comunque sfruttare i sopraccitati testi del sito senza preventiva autorizzazione scritta da parte di claudio bossi.
 

TITANIC di claudio bossi - TORNA ALLA HOME PAGE