Il tesoro del TITANIC



Nel 1985 il transatlantico più famoso della storia fu localizzato e dal 1987 al 2004 la compagnia R. M. S. TITANIC Inc. ha condotto diverse spedizioni nell'area del naufragio per recuperarne i resti.
Sono oltre diecimila i cimeli ritrovati e restaurati, per un valore complessivo di circa di quasi 200 milioni di dollari.
Il tesoro che è affondato con il TITANIC è inestimabile, non solo considerando le porcellane ed i suppellettili della nave, ma anche e soprattutto gli oggetti personali dei passeggeri, sopravvissuti e non.
Giusto per capirci ricordo il costo di un biglietto in prima classe…
Diversi oggetti di valore sono riemersi, nel 1987, nella stiva della nave fu trovata anche una borsa di pelle piena dei gioielli.
La White Star Line aveva invitato i passeggeri del TITANIC a depositare monete, titoli e gioielli all'interno di una cassaforte e pare che la notte della tragedia il Commissario di bordo raccolse un gran numero di questi oggetti dalla cassaforte e li ripose poi in apposite borse di pelle da caricare, durante l'evacuazione, nelle imbarcazioni di salvataggio. Manco a dirlo le borse non riuscirono mai ad arrivare alle scialuppe - stessa sorte per il commissario - ed affondarono insieme al resto del transatlantico.
In compenso i contenitori di pelle hanno permesso di proteggerne il contenuto, riuscendo a farlo sopravvivere fino a quando fu appunto recuperato, più o meno intatto, a distanza di 75 anni.
Sono una ventina in totale i gioielli del TITANIC che appartengono alla R. M. S. TITANIC Inc. La cosa più incredibile è che siano rimasti intatti dopo aver trascorso così tanto tempo a 4000 metri sott'acqua!


 

 












 


 

 

Come si può vedere nelle fotografie qui sopra, tra gli anelli ritrovati c'è uno zaffiro con diamanti e un trilogy in platino con un diamante di 2 carati e 2 brillanti laterali di 1 carato. Tra i gioielli riemersi c'è anche una spilla a fiocco in oro e diamanti centrali, ed un bellissimo paio di gemelli. 
E' stato recuperato anche un anello con diamante in stile gipsy sul corpo di Wallace Hartley, il leader dell'orchestra di bordo. Venne rinvenuto anche un orologio da tasca d'oro.
Tra i gioielli ci sono anche due collane: una in filigrana d'oro con diamanti e perle, queste però andate perdute, l'altra apparteneva ad una passeggera di nome Amy (e non si sa altro…) con il bracciale a catena in oro ed il nome scritto con diamanti.
Il tesoro dei gioielli del TITANIC ritrovati fu stimato per un valore di circa 400 milioni di euro, anche se si racconta che sulla nave ci fosse una partita di diamanti De Beers che oggi supererebbe il valore di 15 milioni di euro.
Il gioiello di maggior valore si salvò insieme alla sua proprietaria: è la collana di perle e diamanti - del valore di allora 750.000 dollari, che corrisponderebbero ad attuali 17 milioni (e spiccioli…) dollari - al collo di Eleanor Elkins Widener, vedi immagine qui sotto. Si racconta che la collana fu assicurata come la più costosa al mondo e fu regalata ad Eleanor dal marito George Widener nel Natale del 1909.


 

 
Tutti i testi nel sito www.titanicdiclaudiobossi.com sono di proprietà intellettuale di claudio bossi. Non è permesso a terzi copiare, modificare, ripubblicare o comunque sfruttare i sopraccitati testi del sito senza preventiva autorizzazione scritta da parte di claudio bossi.
 

TITANIC di claudio bossi - TORNA ALLA HOME PAGE