Le "suites" dei milionari



Il capitolato del TITANIC fu in grande parte basato sulla concezione dell'Olympic ed incluse delle modifiche portate a seguito degli insegnamenti avuti all'epoca della costruzione e della progettazione di questo. Un documento, composto da più di 300 pagine, conteneva le istruzioni precise che la White Star Line  stabilì in accordo con i costruttori della nave, i Cantieri Harland & Wolff. Le specificazioni dell'"elenco degli alloggi", dell'arredamento, della decorazione e dei dettagli, occuparono solo esse 120 pagine. Più di una pagina era dedicata alla descrizione delle "suites" del ponte B che comprendevano due appartamenti di lusso di prima classe con passeggiata privata, il che costituì un'innovazione sulle navi che facevano le rotte dell'Atlantico Nord. L'Olympic, nave gemella del TITANIC varata prima, non fu così attrezzata. Questi due appartamenti con passeggiata, chiamati anche comunemente "suites dei milionari" e che recavano il contrassegno di B51 a dritta e B52 a sinistra, erano localizzati sul ponte B, giusto dietro l'entrata di prima classe: erano sicuramente gli appartamenti più eleganti e costose della nave.
Non avevano migliorie vere e proprie rispetto agli altri appartamenti con salone, ma disponevano del loro proprio settore di ponte passeggiata, su tutta la lunghezza dell'appartamento, ossia di 15 metri, con finestre che davano sul mare.
Per ciascuno di questi appartamenti di gran lusso, l'occupante si vide assegnare, senza alcun supplemento di prezzo, una cabina interna per sé o, per esempio, per la sua domestica. Questi eleganti alloggi vennero numerati B101 per l'appartamento B51 e B102 per l'appartamento B52.
Gli stessi Cantieri Harland & Wolff ed una ditta specializzata, la A. Heaton & Company, s'incaricarono di arredare gli appartamenti.
Ogni appartamento era composto da: due camere, un salone, un bagno e due guardaroba situati tra le camere; i muri ed il mobilio in stile francese erano rivestiti di quercia.
In locale aveva due letti: uno di 84 centimetri per 2,06 metri, e l'altro 1,30 metri per 1 metro e 98, un divano ed un tavolo ovale. Il bagno era fornito di doppio lavabo, un mobile da toilette con sedia ed un radiatore per riscaldamento elettrico; il pavimento era ricoperto di moquette blu. L'altra camera aveva anch'essa due letti in ottone dalle dimensioni dei precedenti, con lo stesso tipo di mobilio della camera posteriore, ma la decorazione del locale e lo stile del mobilio variava. Il salone possedeva un tavolo rotondo al centro del locale, con due poltrone e quattro sedie, un armadio, un cassettone, un "secretaire" d'angolo, un camino ed uno sgabello ottagonale.
La sala da bagno aveva una vasca con doccia, un lavabo ed un radiatore elettrico, il pavimento era di linoleum. Il guardaroba di ogni camera era dotato di un portacappelli, un attaccapanni ed un cassettone appropriato.
La veranda aveva tre divani con piccoli tavolini, due sedie con schienale, due poltrone e due piccoli tavoli rotondi.
Alcune rare fotografie dell'epoca e delle descrizioni, testimonianze e ricerche, ci hanno permesso di avere un'idea della magnificenza delle camere, delle sale e delle passeggiate private.
Per esempio, il salone di sinistra B52 era rivestito di pannelli di quercia laccato bianco, il soffitto a cassettoni ed un camino, che era sormontato da un lungo specchio con cornice dorata. I mobili erano di mogano o di ebano, ornati da zampe di leone, di sfinge, di grifoni alati o addirittura di ananas, in bronzo cesellato, e recavano la marca dello stile Impero, al tempo stesso rigido e severo, pesante e solenne. Un tavolo rotondo ricoperto di un damascato blu si trovava al centro del locale. Tutto era rigorosamente tinta unita, dal blu notte dei tappeti e del divano fino alla porpora delle doppie tende che incorniciavano le alte finestre sul ponte della passeggiata privata.
L'appartamento era occupato da Joseph Bruce Ismay, Direttore Generale della White Star Line che aveva abitudine di fare tutti i viaggi inaugurali delle navi della sua compagnia. Tuttavia, prima che gli fosse assegnato, questo appartamento fu curiosamente oggetto di parecchie prenotazioni ed annullamenti successivi.
Innanzitutto, Henry Clay Frick, di Pittsburgh, magnate dell'acciaio, si riservò l'appartamento nel mese di febbraio del 1912 ma annullò la sua prenotazione dopo che la sua signora si era infortunata ad una caviglia. John Pierpont Morgan, Presidente della Compagnia Internazionale Mercantile Marina Company (società madre della White Star Line), riprese la prenotazione ma l'annullò dichiarandosi sofferente. In realtà, preferì fare i bagni ad Aix-les-Bains dove aveva festeggiato il suo 75esimo compleanno, e si trovava, si dice, in dolce compagnia. La prenotazione fu girata allora ad Horace Harding ed alla sua sposa, ma la coppia preferì viaggiare sul Mauretania. Alla fine dei conti, l'appartamento toccò a Joseph Bruce Ismay imbarcatosi a Southampton con il biglietto gratuito n° 112058.


 

La passeggiata privata della suite B52-B54-B56.

La passeggiata privata della suite B52-B54-B56.

La passeggiata privata della suite B52 - B54 - B56.


 

La passeggiata privata dell'appartamento B52 - B54 - B56, che vediamo qui sopra raffigurata, costituì un universo pseudo - Tudor con pareti bianche: qui i mobili di vimini chiaro erano disposti fra le verdi piante. Il soffitto era decorato di finte travi in quercia. La fotografia di destra fu scattata prima che la veranda venisse abbellita con piante ornamentali. L'immagine a fianco ci mostra la stessa passeggiata già con qualche rampicante messo ad arredo.
Gli appartamenti di dritta B51 - B53 - B55 erano identici all'appartamento di sinistra, appena descritto. Sebbene arredato con lo stesso tipo di mobilio, lo stile era differente: gli arredatori adottarono in questo caso uno stile inglese.


 

La suite B55.
La suite B55.


 

L'appartamento, qui sopra fotografato, era occupato dalla signora Charlotte Wardle Drake Martinez Cardeza, 58 anni, una persona molto ricca, proveniente da Germantown, vicino a Filadelfia in Pennsylvania. Divorziata da James Warburton Martinez Cardeza, procuratore di Filadelfia e nipote di un conte portoghese, la signora Charlotte sposò in seconde nozze un banchiere. Di ritorno da un safari in Africa, Charlotte Wardle Drake Martinez Cardeza si imbarcò a Cherbourg con il biglietto di prima classe n° 17755 che pagò 512 sterline e 67 scellini. Occupò la suite B55 e viaggiò in compagnia di suo figlio Thomas, 36 anni che occupava la camera B53.
Erano al loro seguito anche i domestici: Anna Ward, la governante della signora Cardeza, che occupava probabilmente la stessa camera della sua padrona, e Gustave Lesneur, il cameriere francese di Thomas Cardeza, che occupava la cabina B101. I Cardeza portarono con sé un'impressionante quantità di bagagli: 14 bauli, 4 valigie, 3 casse ed un necessaire di farmacia. I bauli comprendevano, tra l'altro, 70 abiti, 10 pellicce, 38 boe di piume, 22 spille per capelli, 91 paia di guanti, e numero considerevole di quisquilie per distrarsi, come ad esempio un carillon a forma di uccello. Mrs. Cardeza portava anche un cofanetto che conteneva un numero considerevole di gioielli.
In occasione del naufragio, la signora Cardeza, suo figlio Thomas ed i domestici Anna e Gustave, furono recuperati a bordo della scialuppa numero 3.
A New York, all'epoca dell'inchiesta per il naufragio, la signora Cardeza presentò alla White Star Line una domanda d'indennizzo di 18 pagine dattiloscritte: per la perdita dei suoi bagagli personali richiese una somma di 36.567 sterline e 2 scellini. Solo il contenuto del suo portagioie era stato valutato 104.753 dollari del tempo.


 
Tutti i testi nel sito www.titanicdiclaudiobossi.com sono di proprietà intellettuale di claudio bossi. Non è permesso a terzi copiare, modificare, ripubblicare o comunque sfruttare i sopraccitati testi del sito senza preventiva autorizzazione scritta da parte di claudio bossi.
 

TITANIC di claudio bossi - TORNA ALLA HOME PAGE