Scialuppa numero 7



Passeggeri di prima classe
Bishop, Mr. Dickinson H.
Bishop, Mrs. Helen Walton
Blank, Mr. Henry
Chevré, Mr. Paul Romaine
Crosby, Miss Harriette Rebecca
Crosby, Mrs. Catherine Elizabeth Halstead
Earnshaw, Mrs. Olive Potter
Flynn, Mr. John Irwin
Gibson, Miss Dorothy Winifred
Gibson, Mrs. Pauline Caroline Boeson
Greenfield, Mr. William Bertram
Greenfield, Mrs. Blanche Strouse
Hays, Miss Margaret Bechstein
Maréchal, Mr. Pierre
McGough, Mr. James Robert
Omont, Mr. Alfred Fernand
Potter, Mrs. Lily Alexenia
Sloper, Mr. William Thompson
Snyder, Mr. John Pillsbury
Snyder, Mrs. Nelle Stevenson
Steward, Mr. Frederick Kimber
Taylor, Mr. Elmer Zebley
Taylor, Mrs. Juliet Cummins
Tucker, Mr. Gilbert Milligan Jr.
 
Passeggeri di seconda classe
Nourney, Mr. Alfred
 
Equipaggio
Hogg, Mr. George Alfred
Jewell, Mr. Archie
Weller, Mr. William
 

La barca numero 7 fu messa in mare alle 0:40, con 28 persone a bordo su una capienza di 65 posti. A bordo, c'erano 24 passeggeri di prima classe, tra cui 13 uomini, uno di seconda classe e tre membri dell'equipaggio.
Quindi ci fu una maggioranza di uomini, poiché il primo ufficiale William Murdoch permise loro di salire per compensare il basso numero di persone presenti sull'imbarcazione. La maggior parte dei passeggeri si sentivano più al sicuro sul TITANIC, tant'è vero che l'equipaggio aveva cercato di rassicurarli, sostenendo che si trattava di un esercizio.
A capo della scialuppa c'era George Hogg, una delle vedette della nave, il quale non credeva assolutamente che il TITANIC sarebbe andato a fondo.
Ci sono testimonianze di passeggeri di questa scialuppa che asserivano che il ponte imbarcazioni era pressoché deserto e talune persone si chiedevano ancora il perché un simile disagio.
Hogg, in seguito, avrebbe lodato il comportamento eroico delle donne in quelle notte: "Mi leverò sempre il cappello al cospetto di una di loro."
Alcuni superstiti che si trovavano a bordo di questa imbarcazione descrissero il TITANIC, con le sue luci ancora accese, come un luogo spettrale e poi, allorché la nave stava affondando sempre di più,  le meste ridda di grida di angosciante disperazione provenienti dal nero oceano. "Una ad una cessarono, e rimase solo il rumore del mare."


 
Tutti i testi nel sito www.titanicdiclaudiobossi.com sono di proprietà intellettuale di claudio bossi. Non è permesso a terzi copiare, modificare, ripubblicare o comunque sfruttare i sopraccitati testi del sito senza preventiva autorizzazione scritta da parte di claudio bossi.


TITANIC di claudio bossi - TORNA ALLA HOME PAGE