Sarah Roth, la sua storia



Nel borsello Sarah Roth, allorchÚ fu ricoverata all'Ospedale St. Vincent di New York, fu rinvenuto il certificato d'ispezione medica senza il quale ella non avrebbe potuto sbarcare (come passeggera di terza classe doveva sottoporsi a regolari controlli per verificare se aveva preso i pidocchi o la tubercolosi) ed un menu di terza classe. Sul frontale c'era scritto cosa mangiarono i passeggeri di terza classe durante la giornata e la sera del 14 aprile: aringhe, roast beaf e biscotti e "se ci sono reclami siete pregati di rivolgervi al nostro personale che porta un numero di identificazione". Sul retro erano trascritti, molto sinteticamente, i dettami di questa storia.
Lei, la protagonista femminile, Ŕ appunto Sarah Roth (giovane sarta londinese di 27 anni) che si era imbarcata sul TITANIC per amore. Aveva conosciuto un suo vicino di casa: lui, Daniel Iles. Un giorno lui le disse pi¨ o meno: "Vado in America per trovare lavoro. Un giorno ti mander˛ i soldi per un biglietto. Compralo, imbarcati e ci sposeremo". Daniel partý; trov˛ lavoro, risparmi˛ e Sarah ricevette i soldi per una traversata in terza classe. And˛ ad acquistare un biglietto e le dissero che si sarebbe imbarcata il 10 aprile 1912 sul TITANIC che faceva il suo primo viaggio verso gli Stati Uniti. Sarah fece i suoi bagagli, and˛ a Southampton e salý a bordo. La nave salp˛.
Durante il viaggio la giovane fece conoscenza con un coppia chiamata Goldsmith. Quattro giorni dopo la partenza, verso la mezzanotte del 14 aprile, Sarah si svegli˛ di soprassalto con la sensazione che la nave si fosse fermata. Nel verbale che poi rilasci˛ alle autoritÓ portuali disse: "Mi vestii in tutta fretta ed uscii dalla mia cabina. Lý mi intrattenni con la signora Goldsmith che avevo conosciuto e con suo marito. Quando vedemmo degli ufficiali o degli inservienti, non saprei dire chi fossero, chiedemmo informazioni. Dissero che la nave aveva colpito un iceberg e che non c'era nulla da temere". Un po' pi¨ tardi un membro dell'equipaggio li aiut˛ a mettere i giubbotti di salvataggio. Poi qualcuno grid˛ che bisognava salire verso la seconda classe. Ma un ufficiale aveva avuto l'ordine di impedire ai passeggeri di terza classe di procedere verso il ponte pi¨ in alto. Secondo la testimonianza di Sarah l'ufficiale disse: "Ho ricevuto l'ordine di non lasciar passare nessuno da questa scala. E' impossibile che questa nave possa affondare". Cosý nessuno disse ai passeggeri della terza classe dove dovevano andare o cosa dovevano fare. Sempre Sarah aggiunse: "Nessuno ci mostr˛ come si poteva raggiungere il ponte dove c'erano le scialuppe di salvataggio". Quando Sarah e la signora Goldsmith raggiunsero la seconda classe videro che tutte le scialuppe erano piene. Qualcuno le spinse verso una scaletta che dava verso la prima classe. Trovarono posto sul canotto C (quello che vide a bordo anche Joseph Bruce Ismay) che stava per essere calato in mare: mancavano una ventina di minuti alle 2. Alle 2:20 del 15 aprile i passeggeri che erano riusciti ad imbarcarsi sulle barche di salvataggio videro il TITANIC affondare con oltre 1500 persone ancora a bordo.
Circa quattro ore pi¨ tardi Sarah si trov˛ in salvo, sulla Carpathia e tre giorni pi¨ tardi giunse a New York. Daniel aveva saputo della tragedia, ma la stava ancora aspettando. Tre giorni dopo Sarah prese un vestito in prestito ed i due si sposarono (foto sotto) nella chiesa dell'Ospedale di St. Vincent.


 


 
Tutti i testi nel sito www.titanicdiclaudiobossi.com sono di proprietÓ intellettuale di claudio bossi. Non Ŕ permesso a terzi copiare, modificare, ripubblicare o comunque sfruttare i sopraccitati testi del sito senza preventiva autorizzazione scritta da parte di claudio bossi.
 

TITANIC di claudio bossi - TORNA ALLA HOME PAGE