Recuperare il TITANIC?


 



Sono in molti a pensare che sarebbe meglio lasciare perdere il relitto. Dopo tutto il TITANIC, oltre ad essere un relitto è anche una tomba, e sarebbe forse il caso di rispettare la sua privacy e di lasciare i morti in pace. Molti scienziati hanno abbandonato l'idea di recuperare il TITANIC, ritenendo l'impresa poco fattibile. Il fondo dell'oceano dove è affondato si trova a due miglia e mezzo ed i fragili rottami non resisteranno allo sforzo di un recupero per riportarli in superficie. In ogni modo, come potrebbe avvenire un simile lavoro?
GiÓ subito, a due anni dall'affondamento, ci fu un inventore americano che propose un piano per sollevare il relitto usando un sottomarino e dei giganteschi elettromagneti. Ingegneri dei più eccentrici hanno suggerito le idee più pazze a questo proposito, quali ad esempio riempirlo di vaselina oppure di procedere al riempimento dello scafo con palline da ping pong! Oppure di tentare di avvolgerlo con del ghiaccio in modo da farlo galleggiare sull'acqua, come un immenso cubetto di ghiaccio in un bicchiere d'aperitivo. C'Ŕ anche chi propose la creazione di argani azionati a manovella.
Ma nessuno ha mai tentato.
Ci sono stati comunque dei tentativi di ritrovare il TITANIC e, possibilmente, di ispezionare il suo relitto che giace sul fondo marino. All'inizio degli anni Ottanta, un ricco petroliere finanziò un gruppo di esploratori americani. I loro lunghi e costosi sforzi fallirono, ma convinsero uno dei maggiori scienziati subacquei negli Stati Uniti, il Dr. Robert G. Ballard, ad usare una nuova tecnica per andare a vedere l'interno dello scafo.
Il relitto del TITANIC riposa a 3810 metri di profondità. La nave Ŕ divisa in due parti: la parte posteriore si trova ad una distanza di circa 600 metri dalla parte di prua, che a sua volta, è piantata di quasi 20 metri nei sedimenti.
Le sovrastrutture sono erose dai microrganismi ed il loro deterioramento si accelera molto velocemente.
A causa della fragilità del relitto, della profondità del posto e del costo generato da una tale operazione, è impossibile recuperare il TITANIC che, in virtù delle leggi americane, resterà un santuario sottomarino.


 
Tutti i testi nel sito www.titanicdiclaudiobossi.com sono di proprietÓ intellettuale di claudio bossi. Non Ŕ permesso a terzi copiare, modificare, ripubblicare o comunque sfruttare i sopraccitati testi del sito senza preventiva autorizzazione scritta da parte di claudio bossi.
 

TITANIC di claudio bossi - TORNA ALLA HOME PAGE