John Priest




John Priest


 

Tutti, o quasi, anche attraverso le pagine di questo sito, hanno conosciuto la storia di Violet Constance Jessop, ma certamente non tutti sanno che un altro membro dell'equipaggio del TITANIC, ha vissuto un'esperienza più o meno simile a quella della nostra hostess.
Il fuochista John Arthur Priest, che nacque a Southampton nel 1889, prima di prestare servizio sul celebre transatlantico, lavorò a bordo della sua gemella Olympic e si trovò imbarcato su questa nave allorché entrò in collisione con l'incrociatore HMS Hawke nel 1911.
Quando Priest firmò il contratto per servire il TITANIC, pattuì uno stipendio mensile di sei sterline e tre scellini.
Il fuochista si salvò dall'affondamento del TITANIC trovando un posto sulla scialuppa di salvataggio numero 15, una delle poche imbarcazioni ad essere riempite sino al limite della capienza. Come la Jessop, anche Priest, quattro anni dopo si trovava a bordo dell'altra nave della White Star Line, il Britannic, quando questi venne affondato a seguito del danneggiamento dovuto allo scoppio di una mina con cui era entrato in collisione.

John Arthur Priest morì, nella sua Southampton, nel 1937 di polmonite.


 
Tutti i testi nel sito www.titanicdiclaudiobossi.com sono di proprietà intellettuale di claudio bossi. Non è permesso a terzi copiare, modificare, ripubblicare o comunque sfruttare i sopraccitati testi del sito senza preventiva autorizzazione scritta da parte di claudio bossi.
 

TITANIC di claudio bossi - TORNA ALLA HOME PAGE