Benjamin Guggenheim

 


Benjamin Guggenheim

 

Benjamin Guggenheim nacque il 26 ottobre 1865 a Filadelfia, in Pennsylvania, quinto dei sette figli del magnate minerario Meyer Guggenheim.
Nel 1894 spos˛ Florette Seligman, figlia di un noto banchiere di New York dalla quale ebbe tre figlie: Benita, Marguerite e Barbara.
Benjamin Guggenheim eredit˛ una fortuna economica dal padre, ma non ne eredit˛ il suo acume negli affari.





Pauline LÚontine Aubart

 

Spesso lontano dalla moglie per motivi di lavoro, Benjamin Guggenheim aveva un appartamento a Parigi, e stava tornando a New York da lý, quando si imbarc˛ sul TITANIC, a Cherbourg nel tardo pomeriggio del 10 aprile 1912, accompagnato dalla sua amante, una cantante francese di nome  "Ninette" Pauline LÚontine Aubart (a sua volta accompagnata dalla cameriera personale Emma Sagesser). Guggenheim era seguito anche dal suo cameriere personale Victor Giglio e dal suo autista RenÚ Pernot.
Guggenheim e Giglio occuparono la suite B82 mentre la Aubart e la Sagesser avevano la suite B35; Pernot occup˛, invece, una cabina di seconda classe. Guggenheim originariamente aveva prenotato il viaggio di ritorno negli States sul Lusitania, ma visto che il viaggio su quella nave fu annullato per effettuare delle riparazioni allo scafo, invece di prendere la nave sostitutiva, il Carmania, Guggenheim decise di ritornare a New York con il viaggio inaugurale del TITANIC, la nuova nave della White Star Line.
Benjamin Guggenheim ed il suo domestico erano giÓ coricati quando vennero svegliati dal rumore dell'urto con l'iceberg.  La Sagesser ricord˛, dopo la tragedia, che Guggenheim si riferý al suo cameriere dicendogli: "Non importa, gli iceberg! Che cos'Ŕ un iceberg?". Guggenheim fu persuaso a risvegliarsi ed ad abbigliarsi; il cameriere del TITANIC, addetto alle camere, Etches Henry Samuel, lo aiut˛ ad indossare un maglione pesante con il salvagente.
Dopo che il TITANIC incominciava ad affondare, giunse la notizia che vi erano imbarcazioni di salvataggio solo per la metÓ del numero dei passeggeri: la Aubart e la sua cameriera entrarono nella scialuppa di salvataggio numero 9. Guggenheim si rivolse alla cameriera in tedesco, dicendo: "Ci rivedremo presto! E' solo una riparazione. Domani il TITANIC sarÓ di nuovo in navigazione".
Rendendosi conto che la situazione era molto grave e di fronte ad una morte certa, e solamente dopo essersi assicurato che la signora Aubart e la sua cameriera, furono al sicuro su di una scialuppa, ed aver assistito altre donne e bambini ad entrare nelle barche di salvataggio, Benjamin Guggenheim ed  il suo cameriere restituirono i propri giubbotti di salvataggio ad un ufficiale del TITANIC quindi si recarono nella propria cabina per vestirsi con formali abiti da sera.
Benjamin Guggenheim pass˛ alla storia per un'osservazione. Mentre la nave era sul punto di affondare disse: "Abbiamo indossato i nostri vestiti migliori, e siamo pronti ad andare gi¨ come signori". Guggenheim chiese successivamente ad un membro dell'equipaggio di recapitare un messaggio a sua moglie Florette. "Se dovesse accadermi qualcosa, dite a mia moglie a New York che ho fatto del mio meglio per fare il mio dovere."
La notte del 15 aprile 1912, Benjamin Guggenheim ed il suo cameriere sedettero sulle sedie, sorseggiando brandy e fumando sigari, mentre il TITANIC affondava.
I corpi di Benjamin Guggenheim, del suo cameriere Victor Giglio e del suo autista RenÚ Pernot, se furono recuperati, non furono mai identificati.
Nel suo testamento, Guggenheim dispose un terzo del suo patrimonio a sua moglie Florette e due terzi per le sue tre figlie, dopo aver fatto circa 115.000 dollari in donazioni.


 

 

Pauline LÚontine Aubart ed Emma Sagesser furono raccolte dalla Carpathia.
La figlioccia di "Ninette" Pauline LÚontine Aubart (deceduta nel 1964), Annie Panier Eliet, recentemente ha fatto incidere sulla sua tomba le parole "Superstite del TITANIC" (vedi fotografia sopra). A mia conoscenza, Ŕ l'unica superstite del naufragio del TITANIC sepolta in un cimitero di Parigi, e pi¨ esattamente al cimitero di Saint Vincent de Montmartre.


 
Tutti i testi nel sito www.titanicdiclaudiobossi.com sono di proprietÓ intellettuale di claudio bossi. Non Ŕ permesso a terzi copiare, modificare, ripubblicare o comunque sfruttare i sopraccitati testi del sito senza preventiva autorizzazione scritta da parte di claudio bossi.

 
TITANIC di claudio bossi - TORNA ALLA HOME PAGE