Il cappello di Edgar Andrew



 

E' triste pensare come i passeggeri saliti a bordo del TITANIC quel giorno, a Southampton o Cherbourg oppure il giorno dopo a Queenstown, non avessero alcuna idea del loro futuro. Essere in grado di tornare indietro nel tempo, conoscere la loro storia e quali furono i loro sogni sarebbe un terribile esperienza.
Un'altra mesta storia del TITANIC fu legata al cappello sopra in immagine. Questo copricapo Ŕ stato rinvenuto all'interno di un sacchetto di cuoio appartenuto al passeggero Edgar Andrew.
Esso era realizzato in lana con una fodera interna di seta. L'etichetta del produttore porta il nome "Peter Bennett 58 Commercial Road Bournemouth". Il cappello dispone inoltre di un nastro di cannetÚ con un fiocco che circonda la parte inferiore della corona. Questo tipo di cappello, assai informale e morbido, simboleggiava la democrazia e la rivoluzione ed erano generalmente associati ad intellettuali ed artisti.
Il passeggero di classe seconda classe Edgar Andrew, vedi sotto in immagine, era uno studente in Inghilterra nel 1912 e fu invitato a partecipare alle nozze del fratello negli Stati Uniti. Edgar originariamente aveva prenotato il viaggio per New York sul piroscafo Oceanic, ma a causa del famoso sciopero del carbone, fu costretto a ripiegare il passaggio a bordo del TITANIC.
Egli non sopravvisse al naufragio: il suo corpo, se recuperato, non fu mai identificato: Edgar aveva solo che diciassette anni.

 


 
Tutti i testi nel sito www.titanicdiclaudiobossi.com sono di proprietÓ intellettuale di claudio bossi. Non Ŕ permesso a terzi copiare, modificare, ripubblicare o comunque sfruttare i sopraccitati testi del sito senza preventiva autorizzazione scritta da parte di claudio bossi.
 

TITANIC di claudio bossi - TORNA ALLA HOME PAGE