Coscienza collettiva



Ci sono stati altri spaventosi incidenti da allora, ma lo spirito del TITANIC indugia ancora come un'ossessiva cattiva coscienza collettiva. Perché mai? Forse perché la nave fu così grande, le storie di eroismo e di autosacrificio così commoventi, ed il numero di dispersi così importante? Forse perché la tragedia poteva essere evitata se solo il comandante Edward John Smith avesse fatto ridurre la velocità di crociera, o se a bordo ci fossero state più scialuppe di salvataggio ed i soccorsi fossero stati organizzati meglio? O forse perché fu un disastro che nessuno mai avrebbe potuto prevedere?
Il TITANIC fu il simbolo di un'epoca di grande ottimismo, si credeva che la tecnologia potesse dominare suprema sulla natura. La storia del TITANIC ci ha detto che il progresso tecnologico umano uscý drasticamente ridimensionato dalle forze della natura; lo strenuo tentativo dell'uomo di sfidare continuamente i propri limiti, per vana gloria o per intima convinzione, per poi ritrovarsi sconfitto e preda degli eventi fu un insegnamento universale. La natura ci pone davanti mille problemi da superare e questa fu una lezione che ci dovrebbe insegnare, con efficacia, ad affrontare la realtà del mondo con grande rispetto ed umiltà.
Non bisogna neanche trascurare l'aspetto sociale della tragedia. Una nave costruita per i ricchi borghesi che finý con il diventare la tomba per la maggior parte dei passeggeri meno abbienti di terza classe. Questa non Ŕ una splendida metafora dell'economia moderna? Le guerre dichiarate dai ricchi e combattute con il sangue dei poveri non Ŕ fedelmente rispecchiata in questa tragedia? Le scialuppe mandate in acqua mezze vuote e che comunque non tornarono mai a recuperare i superstiti non somigliano molto agli speculatori di borsa che dividono la ricchezza a pochi, succhiando il sangue di molti? E la Carpathia che arriv˛ tardi non pu˛ rappresentare il grande numero di inutili aiuti umanitari inviati alla tragedia giÓ consumata nelle zone pi¨ disastrate del pianeta?
Infine una perla: l'orchestra che continu˛ a suonare immolandosi per compiere fino in fondo il proprio dovere. Sembra che questo fosse uno degli aspetti realmente provati dai sopravvissuti. In un mondo come quello moderno in cui restare fedele ai propri principi e compiere il proprio dovere prima di ogni cosa Ŕ diventato un comportamento "stupido", ha l'effetto di uno schiaffo in faccia.
Il TITANIC rappresenta un interrogativo con il quale cerchiamo di misurarci: mi chiedo cosa avrei fatto se fossi stato lý quella notte, ma io credo che eroismo e coraggio siano pi¨ ad appannaggio del singolo che del gruppo.
Il TITANIC Ŕ oggetto di molti miti e di molta disinformazione: la scienza ci pu˛ dare gli strumenti per eliminare, almeno in parte, la disinformazione e raccontare cosa successe realmente quella notte. Scrivendo queste righe spero che mi aiuti a ricordare sempre che in questo mondo siamo tutti a bordo di un grande transatlantico, divisi per classi, guidati da un destino che corre a mille verso l'ignoto e che purtroppo non Ŕ mai uguale per tutti. Spero che mi aiuti a ricordare le oltre 1500 vittime dell'incoscienza, dell'egoismo, della disparitÓ sociale.
Per me il TITANIC Ŕ anche questo.

claudio bossi
gennaio 2008


 
Tutti i testi nel sito www.titanicdiclaudiobossi.com sono di proprietÓ intellettuale di claudio bossi. Non Ŕ permesso a terzi copiare, modificare, ripubblicare o comunque sfruttare i sopraccitati testi del sito senza preventiva autorizzazione scritta da parte di claudio bossi.

 
TITANIC di claudio bossi - TORNA ALLA HOME PAGE