A bordo del TITANIC
 

Mia figlia Serena mi ha chiesto se vi furono a bordo del TITANIC delle persone di colore.
La risposta è la seguente: Joseph Laroche, un francese originario di Haiti, fu l'unico uomo di colore a bordo del TITANIC e questa Ŕ la sua storia.
Joseph Laroche, 26 anni, visse in Francia dal 1901, lì studi˛ ingegneria e conobbe Juliet Lafargue, 22 anni, che spos˛ nel 1908. La coppia ebbe due figli, Simonne Anne Marie e Louise. La discriminazione razziale impedý a Joseph Laroche di ottenere un lavoro permanente in Francia e poiché la famiglia aveva bisogno di soldi, per fare fronte alle cure mediche di cui necessitava Louise, Joseph decise rientrare ad Haiti per trovarsi un lavoro. Il tutto era stato progettato per il 1913.
Nel mese di marzo del 1912, tuttavia, Juliet scoprì che fu nuovamente incinta, e questo fece decidere a Joseph di anticipare il rientro ad Haiti, prima che la gravidanza della sua compagna fosse in stato avanzato. I coniugi Laroche  prenotarono i loro posti sul France, ma si accorsero che il regolamento della nave prevedeva che i bambini dovevano essere affidati alla nursey e che non potevano avere il permesso di accompagnare i loro genitori al ristorante. Marito e moglie decisero allora di cambiare i biglietti e la loro prenotazione fu trasferita al TITANIC, in partenza da Cherbourg.

 
 

La famiglia Laroche
La famiglia Laroche

 
 

Sul TITANIC, la famiglia Laroche prese una cabina di seconda classe; i Laroche pranzarono insieme per l'ultima volta la sera del 14 aprile, poi Joseph si rec˛ nella sala fumatori di seconda classe. Juliet e le due figlie, Simonne, di tre anni e Louise, di un anno, si ritirarono nella loro cabina. Nei momenti seguenti allo scontro con l'iceberg, Joseph Laroche rientr˛ nella sua cabina e svegli˛ la moglie e le figlie. In quella notte gelida del 15 aprile, la madre e le bimbe furono invitate a salire in una scialuppa di salvataggio (la numero 14), Joseph fece indossare il suo cappotto, con tutti i valori ed i soldi di famiglia, alla moglie per proteggerla dal freddo pungente. "Ne avrete bisogno", le disse, "vi vedrò a New York. Devo prendere un'altra scialuppa. Dio sia con voi". Quelle furono le ultime parole rivolte da Joseph Laroche alla moglie. Il cappotto venne rubato; sia Juliet Laroche che le bimbe sopravvissero. Salvata dalla Carpathia, Juliet, ebbe i piedi congelati e, una volta giunta a New York, fu condotta all'ospedale di St. Vincent.
Joseph Laroche, morì nell'affondamento.


 
Tutti i testi nel sito www.titanicdiclaudiobossi.com sono di proprietÓ intellettuale di claudio bossi. Non Ŕ permesso a terzi copiare, modificare, ripubblicare o comunque sfruttare i sopraccitati testi del sito senza preventiva autorizzazione scritta da parte di claudio bossi.
 

TITANIC di claudio bossi - TORNA ALLA HOME PAGE